Community
Seleziona una lingua
Crea percorso fino qui Copia il percorso
Bici da corsaPercorso consigliato

Giro della Val di Cembra e Pinè

· 1 review · Bici da corsa · Trento, Monte Bondone, Valle dell' Adige
Responsabile del contenuto
VisitTrentino Partner verificato 
  • Val di Cembra
    / Val di Cembra
    Foto: Laura Tabarelli, VisitTrentino
  • Pedalata tra le vigne della val di Cembra
    / Pedalata tra le vigne della val di Cembra
    Foto: Laura Tabarelli, VisitTrentino
  • / Verla
    Foto: Laura Tabarelli, VisitTrentino
  • / Risalendo dal Ponte dell'Amicizia in val di Cembra
    Foto: Laura Tabarelli, VisitTrentino
m 1200 1000 800 600 400 200 80 70 60 50 40 30 20 10 km
Questo tour è molto conosciuto dai ciclisti trentini che vogliono abbinare la bellezza del paesaggio pedalando tra le vigne della Val di Cembra e respirare un pò l'aria dei campioni di ciclismo come quelli della famiglia Moser e Gilberto Simoni. Il tour partendo da Trento attraversa anche la piana Rotaliana, l'altopiano di Pinè e l'alta Valsugana, ideale per scoprire la zona centro orientale del Trentino.
media
Lunghezza 86,9 km
4:30 h.
1.655 m
1.654 m
1.121 m
186 m

Un tour che parte e arriva aTrento attraversando le colline sopra la piana Rotaliana, la Val di Cembra, l'altopiano di Pinè e l'alta Valsugana. Dal punto di vista paesaggistico i panorami sono molto vari e differenti tra le varie vallate. Le salite che si affrontano sono 4 e sono tutte abbordabili anche con un discreto grado di forma non essendo molto lunghe. Inoltre le quote altimetriche non sono particolarmente alte (tutte sotto ai 1200 m slm), che rendono il tour praticabile già ad inizio primavera con i primi caldi e fino al tardo autunno. E' comunque consigliato aver un buon "fondo" ovvero aver già effettuato qualche uscita lunga, essendo il tour di quasi 90 km e con un dislivello di 1650 m. La salita da mito di questo tour è la "salita dei Campionissimi" che vuole richiamare le gesta dei campioni della famiglia Moser e di Gilberto Simoni, tutti di Palù di Giovo, paese che si trova in cima a questa salita. Tra le 4 asperità merita sicuramente di essere menzionata anche quella di Sover con una pendenza media del 9%. 

Immagine del profilo di Laura Tabarelli
Autore
Laura Tabarelli
Ultimo aggiornamento: 13.08.2020
Difficoltà
media
Impegno fisico
Emozione
Paesaggio
Punto più alto
1.121 m
Punto più basso
186 m
Periodo consigliato
gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

Indicazioni sulla sicurezza

Come immaginerai, la percorribilità degli itinerari in un ambiente montano è strettamente legata alle condizioni contingenti e dipende quindi da fenomeni naturali, cambiamenti ambientali e condizioni meteo. Per questo motivo, le informazioni contenute in questa scheda potrebbero aver subito variazioni. Prima di partire, informati sullo stato del percorso, verifica i bollettini meteo e informati presso gli uffici turistici.

Partenza

Trento (200 m)
Coordinate:
DD
46.066890, 11.121029
DMS
46°04'00.8"N 11°07'15.7"E
UTM
32T 664036 5103666
w3w 

Arrivo

Trento

Direzioni da seguire

La partenza del tour è  il centro storico di Trento e dopo averlo lasciato ci si porta sulla ciclabile che corre lungo l'argine del fiume Adige fino ad incontrare la foce del fiume Avisio per poi raggiungere Lavis. Dopo aver attraversato il centro del paese ci si dirige sulle colline a nord, dove si coltivano le vigne del vino Nosiola e Chardonnay.  Qui si gode di una vista mozzafiato sulla piana Rotaliana pedalando tra bellissimi Masi (case rurali). Dopo circa 4 km si arriva al bivio dove il cartello riporta l'indicazione per la località Sorni, una frazione più in basso. Da qui inizia una discesa con diversi tornanti che riportano giù a valle fino all'incrocio con la SS12. Prestando attenzione al traffico se ne percorre meno di 1 km per poi reinserirsi in una strada comunale che porta verso il centro di San Michele all'Adige. Questo è il punto di partenza della prima vera salita di giornata: la "salita dei Campionissimi". La salita ha una lunghezza di circa 6,5 km con un dislivello di circa 450 m che la rende piuttosto impegnativa. Si incontrano sulla salita 2 bivii ed è importante seguire sempre i cartelli per il paese di "Cembra". Arrivati in cima alla salita presso Ville di Giovo si scende verso Verla e si continua in direzione Cembra per poi proseguire verso Faver. Da qua parte la discesa verso il fondo della Val di Cembra attraversando il fiume Avisio (lo stesso che abbiamo incontrato prima di arrivare a Lavis) sul Ponte dell'Amicizia e qui la strada riprende subito a salire sull'altro versante della valle per riportarsi nella zona di Segonzano, famoso paese per le sue "piramidi di terra", frutto dell'opera combinata di azioni di erosione delle acque correnti sul terreno delle montagne circostanti. Superate anche queste particolari formazioni geologiche si continua in direzione nord est salendo con la strada fino a Sover. Da qui parte la terza e penultima salita, quella che ci porta verso l'altopiano di Pinè. La prima parte della salita è piuttosto impegnativa (9% medio) anche se non molto lunga (3 km), la strada poi continua in falsopiano fino a Brusago, il primo paese che si incontra dell'Altopiano di Pinè è Brusago e da qui inizia una lunga discesa. La prima parte della discesa ha una pendenza molto bassa, affiancando i laghi delle Piazze e di Serraia fino a Baselga di Pinè. Da qui si segue la strada che va verso Trento e la pendenza aumenta. Dopo il secondo tornante si svolta a destra e si imbocca la Strada Provinciale 104 delle "Quadrate" che ci porta verso Civezzano dopo aver attraversato la frazione di Torchio.  Dopo aver attraversato il centro di Civezzano ci si trova all'ultimo scoglio di giornata, la breve "salita dei Forti" che passa letteralmente in mezzo a una vecchia fortificazione di epoca austroungarica prima di raggiungere il colmo della salita poco più sopra. Da qui inizia la volata in giu verso Trento passando dagli abitati di Cognola e S.Donà per poi arrivare al punto di partenza nel centro di Trento.

Nota


Vedi tutte le segnalazioni sulle aree protette

Coordinate

DD
46.066890, 11.121029
DMS
46°04'00.8"N 11°07'15.7"E
UTM
32T 664036 5103666
w3w 
///eventi.lingue.volerci
Come arrivare in treno, in auto, a piedi o in bici.

Attrezzatura

Si raccomanda l'utilizzo del casco, occhiali da sole, pantaloni specifici per il ciclismo, una giacca impermeabile (in caso di pioggia), borraccia con acqua o soluzioni isotoniche e barrette energetiche.

Domande e risposte

Fai la prima domanda

Vuoi chiedere una domanda all'autore?


Recensioni

4,0
(1)
Giustina L
21.09.2021 · Community
giro bello tra paesini vigneti e meleti soprattutto ora che raccolgono l'uva e l'odore di mosto aleggia ovunque. bei panorami. certamente da non sottovalutare dislivello e lunghezza. MA I DATI NON SONO CORRETTI Ammetto che io non sono una ciclista da "campionissimi" ma il giro l'ho fatto il 5h20 (6 con le pause), dislivello 1800 circa e 91 km, considerando che ho pure tagliato un paio di pezzetti perché, soprattutto uno, era totalmente sentiero (direzione piramidi segonzano).... ah e avevo una e-mtb e non una bici "muscolare".
Visualizza di più
Quando hai fatto questo percorso? 20.09.2021
Foto: Giustina L, Community
Foto: Giustina L, Community
Foto: Giustina L, Community
Foto: Giustina L, Community
Foto: Giustina L, Community
Foto: Giustina L, Community
Foto: Giustina L, Community
Foto: Giustina L, Community
Foto: Giustina L, Community
Foto: Giustina L, Community
Foto: Giustina L, Community

Foto di altri utenti

+ 7

Recensione
Difficoltà
media
Lunghezza
86,9 km
Durata
4:30 h.
Salita
1.655 m
Discesa
1.654 m
Punto più alto
1.121 m
Punto più basso
186 m
Percorso ad anello Panoramico Punti di ristoro lungo il percorso

Statistiche

  • Contenuti
  • Mostra immagini Nascondi foto
Funzioni
Mappe e sentieri
Lunghezza  km
Durata : ore
Salita  mt
Discesa  mt
Punto più alto  mt
Punto più basso  mt
Muovi le frecce per aumentare il dettaglio