Condividi
Preferiti
Stampa/PDF
GPX
KML
Crea itinerario fino qui Copia il percorso
Embedding
Fitness
Passeggiata

Sentiero Maderlina

· 1 recensione · Passeggiata · Piné, Cembra
Responsabile del contenuto
Azienda per il Turismo Altopiano di Piné e Valle di Cembra S.Cons.r.l Partner verificato 
  • /
    Foto: Azienda per il Turismo Altopiano di Piné e Valle di Cembra S.Cons.r.l
  • /
    Foto: Azienda per il Turismo Altopiano di Piné e Valle di Cembra S.Cons.r.l
  • /
    Foto: Azienda per il Turismo Altopiano di Piné e Valle di Cembra S.Cons.r.l
m 1300 1200 1100 1000 900 800 700 600 500 400 8 6 4 2 km

Percorso nei boschi di latifoglie in gran parte su strade lastricate e sterrate, con diversi punti di interesse naturalistico; molto gradevole nel suo sviluppo ad anello con modesti dislivelli.

facile
9,5 km
3:00 h.
539 m
539 m

L’itinerario permette di vedere i resti di un’antica calchera e di ammirare le caratteristiche baite in porfido e in legno lungo la strada. Merita il giro la bella panoramica sul gruppo Brenta e la visita alla chiesetta di San Leonardo.

Difficoltà
facile
Tecnica
Impegno fisico
Emozione
Paesaggio
Punto più alto
1081 m
Punto più basso
580 m
Periodo consigliato
gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

Consigli di sicurezza

  • Studiate e preparate bene il vostro itinerario
  • Scegliete un percorso adatto alla vostra condizione fisica
  • Portate vestiti ed attrezzatura idonei
  • Consultate il bollettino metereologico
  • Partire da soli è rischioso, portate con voi il cellulare
  • Lasciate informazioni sul vostro itinerario e sull’orario approssimativo di rientro
  • Se non siete sicuri, non esitate ad affidarvi ad un professionista
  • Fate attenzione alle indicazioni e alla segnaletica che trovate sul percorso
  • In caso di stanchezza o di problemi, non esitate a tornare sui vostri passi
  • In caso di incidente chiamate il numero 112

Come immaginerai, la percorribilità degli itinerari in un ambiente montano è strettamente legata alle condizioni contingenti e dipende quindi da fenomeni naturali, cambiamenti ambientali e condizioni meteo. Per questo motivo, le informazioni contenute in questa scheda potrebbero aver subito variazioni. Prima di partire, informati sullo stato del percorso contattando il gestore dei rifugi sul tuo percorso, le guide alpine, i centri visitatori dei parchi naturali e gli uffici turistici.

Attrezzatura

In occasione di uscite relativamente brevi e agevoli, è sempre meglio essere ben equipaggiati per non incorrere in spiacevoli sorprese e per fronteggiare imprevisti come ad esempio un temporale improvviso o un calo di energia.

Nello zaino è bene portare:

  • boraccia (1L)
  • snack (per esempio, frutta secca o cioccolato)
  • kit di pronto soccorso
  • giacca antivento
  • una maglia in pile
  • maglietta e calze di ricambio (possibilmente chiusi in un sacchetto di plastica)
  • indossate o almeno portate nello zaino un paio di pantaloni lunghi
  • cappellino
  • crema solare
  • occhiali da sole
  • guanti
  • fischietto per farsi rintracciare in caso di emergenza
  • numero telefonico in caso di emergenza Soccorso Alpino 112

Indossate inoltre calzature adatte al percorso ed alla stagione. Il piano di calpestio dei sentieri può essere irregolare o sconnesso ed un paio di scarponcini vi proteggerà dalle distorsioni.

Per finire... non dimenticate la macchina fotografica! Servirà per immortalare l'escursione e gli innumerevoli scorci mozzafiato.

Inizia

Lisignago (579 m)
Coordinate:
Geografico
46.160363, 11.186578
UTM
32T 668820 5114189

Arrivo

Lisignago

Direzioni

Si parte dal parcheggio di Lisignago, subito sotto la Chiesa, si attraversa la Strada Statale della Val di Cembra e si sale sulla strada marcata SAT 416 per breve tratto, poi si gira subito a sinistra su strada asfaltata seguendo le indicazioni per Capanna Maderlina. La strada diventa sterrata poi lastricata in porfido. In prossimità del Rio Gian si può deviare leggermente a ovest (sinistra) su traccia di strada per visitare i resti di una calchera, struttura in pietra anticamente adibita alla produzione della calce. Pochi metri dopo il bivio per la calchera, si prende la mulattiera che sale a destra (la tabella indica Capanna Maderlina–Lago Santo). In pochi minuti si confluisce sulla strada forestale, qui nuovamente lastricata, e si prosegue fino alla strada asfaltata che porta al rifugio. Prima del rifugio, vale la pena soffermarsi sulla zona umida e sulla magnifica panoramica del Gruppo di Brenta. Poco prima del rifugio, prendiamo la strada in terra battuta a destra (strada forestale Pernaia). In località Palù Poz superiamo il bivio per il Lago Santo e proseguiamo verso Pernaia-Lisignago sulla strada n. 416, lungo la quale sono presenti numerose radure e caratteristiche baite in porfido e legno. In corrispondenza del culmine del dosso, quando la strada comincia a scendere, prendiamo la trattorabile a sinistra (marcata con segnavia), superiamo la sbarra in corrispondenza di una baita con ampia radura e proseguiamo su sentiero nel bosco misto di faggio e pino nero, fino a giungere al Piz delle Agole, suggestivo punto panoramico che si apre tra i pini silvestri sulla Valle di Cembra e sulle propaggini occidentali del Lagorai. Una mulattiera ci porta nuovamente sulla strada forestale; in corrispondenza della prima curva a destra, prendiamo una trattorabile che poi diventa mulattiera, fino a intersecare più a valle la strada forestale. Ormai siamo in prossimità del centro abitato e in breve raggiungiamo il punto di partenza. Dal parcheggio di Lisignago si può proseguire la passeggiata e scendere sulla strada asfaltata fino all’antica chiesetta di San Leonardo, posta su un colle strapiombante sull’Avisio. Raggiunta la chiesetta, se ne ammira il portico ottocentesco, il campaniletto a vela e la campana, fusa nell’anno 2002, con decoro disegnato dall’artista Marco Arman. L’interno è decorato con un pregevole ciclo pittorico databile alla seconda metà del Quattrocento, realizzato da un pittore itinerante fiemmese.

Nota


Vedi tutte le segnalazioni sulle aree protette

Come arrivare

Provenendo dall´autostrada A22 del Brennero, sia da sud che da nord, esci al casello di Trento nord (distanza dal casello km 22,5), percorri la S.S. 12 del Brennero in direzione nord fino al bivio di Lavis, per transitare poi sulla S.S. 612 Lavis - Castello di Fiemme che conduce fino alla Valle di Cembra.

Dove parcheggiare

Parcheggio di Lisignago, sotto la Chiesa.

Come arrivare in treno, in auto, a piedi o in bici.


Domande e risposte

Fai la prima domanda

Vuoi chiedere qualcosa?


Recensioni

2,0
(1)
Martijn Van de Wetering
21.04.2019 · Community
Not a light route, first 5 km is uphill and good condition and good shoes are mandatory. After around 5 km the route is in the forrest and route is unclear and descent is dangerous. Thick layer of leaves on the path with loose rocks and branches underneath. You will slip away. We had to hold each other so you would not fall. Not a safe route.
Visualizza di più

Foto di altri utenti


Recensione
Difficoltà
facile
Lunghezza
9,5 km
Durata
3:00h.
Dislivello
539 m
Discesa
539 m
Percorso ad anello Panoramico Rilevanza culturale/storica Interesse geologico Interesse botanico Interesse faunistico

Statistiche

  • Contenuti
  • Crea nuovo punto
  • Show images Nascondi foto
: ore
 km
 mt
 mt
Punto più alto
 mt
Punto più basso
 mt
Mostra il profilo altimetrico Nascondi il profilo altimetrico
Muovi le frecce per aumentare il dettaglio