Condividi
Preferiti
Stampa/PDF
GPX
KML
Crea itinerario fino qui
Plugin
Fitness
Via ferrata

Ferrata "Felice Spellini"

Via ferrata · Altopiano della Paganella
Responsabile del contenuto
APT Dolomiti Paganella Partner verificato  Explorers Choice 
  • Il rifugio Pedrotti e la cima Tosa
    / Il rifugio Pedrotti e la cima Tosa
    Foto: APT Dolomiti Paganella
  • Il lago e le Dolomiti di Brenta
    / Il lago e le Dolomiti di Brenta
    Foto: ph. Frizzera
  • Nei pressi del rifugio Alimonta
    / Nei pressi del rifugio Alimonta
    Foto: APT Dolomiti Paganella
  • Rifugio Alimonta
    / Rifugio Alimonta
    Foto: APT Dolomiti Paganella
  • Nei pressi del rifugio Alimonta
    / Nei pressi del rifugio Alimonta
    Foto: APT Dolomiti Paganella
  • Rifugio Pedrotti
    / Rifugio Pedrotti
    Foto: ph. Oliver Astrologo
Cartina / Ferrata "Felice Spellini"
2400 2600 2800 3000 m km 0.5 1 1.5 2 2.5 3

L'ultima nata in Brenta!

difficile
3,4 km
2:22 h.
551 m
367 m

La ferrata collega il versante di Molveno direttamente alla Via delle Bocchette Centrali e a quelle Alte mettendo in connessione il Sentiero della Sega Alta, n.303, con la Bocca degli Armi. 

Consiglio dell'autore

La Bocca di Brenta, a pochi minuti dal rifugio Pedrotti.

Difficoltà
E difficile
Tecnica
Impegno fisico
Emozione
Paesaggio
Livello di pericolo
Punto più alto
2841 m
Punto più basso
2293 m
Periodo consigliato
gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

Consigli di sicurezza

1) Preparate il vostro itinerario 

2) Scegliete un percorso adatto alla vostra preparazione 

3) Scegliete equipaggiamento e attrezzatura idonei  

4) Consultate I bollettini nivometereologici 

5) Partire da soli è più rischioso  

6) Lasciate informazioni sul vostro itinerario e sull’orario approssimativo di rientro

7) Non esitate ad affidarvi ad un professionista

8) Fate attenzione alle indicazioni e alla segnaletica che trovate sul percorso

9) Non esitate a tornare sui vostri passi

10) In caso di incidente date l’allarme chiamando il numero breve 118

 

Come immaginerai, la percorribilità degli itinerari in un ambiente montano è strettamente legata alle condizioni contingenti e dipende quindi da fenomeni naturali, cambiamenti ambientali e condizioni meteo. Per questo motivo, le informazioni contenute in questa scheda potrebbero aver subito variazioni. Prima di partire, informati sullo stato del percorso contattando il gestore dei rifugi sul tuo percorso, le guide alpine, i centri visitatori dei parchi naturali e gli uffici turistici.

Attrezzatura

Indispensabile il set da ferrata

- imbrago

- kit con dissipatore

- 2 moschettoni

- casco

 

Ulteriori informazioni e link

Azienda Turismo Dolomiti Paganella

Start

Rifugio Pedrotti (2401 m)
Coordinate:
Geografico
46.154542, 10.901595
UTM
32T 646833 5112976

Arrivo

Rifugio Alimonta

Percorso

Dal Rifugio Pedrotti si scende per alcuni minuti lungo il sentiero n. 319 fino ad un ripiano sotto il Rifugio Tosa. Dal rifugio si scende a sinistra sul sentiero n. 303 prima su alcuni gradini rocciosi, poi dentro un canalino, continuando a scendere per arrivare nella valle, la si attraversa e si segue il sentiero che a saliscendi aggira la base rocciosa della Brenta Alta. Dopo un breve tratto si arriva alla Busa degli Sfulmini a cui fanno corona la maestosa muraglia della Brenta Alta, gli arditissimi Campanili Basso e Alto, la catena degli Sfulmini, la Torre di Brenta, la Cima degli Armi e la cresta frastagliata della Cima degli Armi Bassa. Si prosegue a sinistra seguendo le indicazioni per il "Sentiero Felice Spellini". Per arrivare all’attacco della ferrata prima ci si alza con alcune “zete” su un faticoso deposito di detriti morenici, poi si giunge ai piedi dell’Avancorpo Sud della Cima degli Armi, dove ha inizio la ferrata (m. 2.590). Si segue ora il cavo, ottimamente posizionato, in un susseguirsi di panorami e passaggi mozzafiato. Dopo aver superato il difficile traverso e la sequenza di scale (dove le braccia vengono messe a dura prova) si giunge alla Bocca degli Armi (m. 2.749) dove ha termine la ferrata e ed è inoltre il punto di confluenza delle Bocchette Alte e Centrali. Continuando verso destra e imboccando il sentiero n. 323 scendiamo dalla Vedretta degli Sfulmini arrivando al rifugio Alimonta.

La difficoltà complessiva è da ritenersi media, forse  superiore alle Bocchette Centrali, anche se il tratto attrezzato è assai più breve.

Mezzi pubblici

Trentino Trasporti - linea 611, tratto Trento-Mezzolombardo con treno locale, Mezzolombardo-Molveno con autobus.

Come arrivare

Provenendo da NORD: alla rotatoria nei pressi dell'uscita autostradale di San Michele all'Adige, giriamo a destra verso Mezzolombardo; dopo aver attraversato il paese, giriamo a sinistra seguendo le indicazioni per Fai della Paganella - Andalo - Molveno.

Provenendo da SUD: dall'uscita autostradale di Trento nord, ci dirigiamo verso la val di Non e l'altopiano della Paganella; all'uscita del lungo tunnel nei pressi di Mezzolombardo, giriamo a destra sulla SP 64, verso Fai della Paganella - Andalo - Molveno.

Dove parcheggiare

In centro a Molveno, alla partenza degli impianti di risalita Molveno - Pradel e in zona lido.

Calcola il viaggio per arrivare in treno, in macchina, a piedi o in bicicletta.

Libri & cartine

Mostra tutto

Cartine consigliate

Mostra tutto

Itinerari consigliati nei dintorni

 Questi consigli sono stati generati automaticamente dal sistema.

Domanda e risposta

Fai la prima domanda

Hai dei dubbi? Scrivi la tua domanda e fatti aiutare dalla community!


Recensioni

Sei il primo

Condividi la tua esperienza!


Foto aggiuntive


Difficoltà
E difficile
Lunghezza
3,4 km
Durata
2:22 h.
Salita
551 m
Discesa
367 m
Panoramico Ristori lungo il percorso Percorso intero attrezzato

Statistica

: ore
 km
 m
 m
Punto più alto
 m
Punto più basso
 m
Mostra il profilo altimetrico Nascondi il profilo altimetrico
Sposta le frecce a sinistra e a destra per cambiare il ritaglio visualizzato.