Condividi
Memorizza
Stampa/PDF
GPX
KML
Plugin
Fitness
Sentiero invernale

300 - Pont Nef - itinerario invernale (#2)

Sentiero invernale • Grigioni
Responsabile del contenuto
Ente Turistico Regionale del Moesano
  • Vista sul Pizzo Uccello dalla Capanna Genziana
    / Vista sul Pizzo Uccello dalla Capanna Genziana
    Foto: Christian Vigne, Ente Turistico Regionale del Moesano
Cartina / 300 - Pont Nef - itinerario invernale (#2)
1350 1500 1650 1800 1950 m km 1 2 3 4 5 6 7

Un paesaggio meraviglioso, tipicamente sud alpino, ci accompagna lungo tutto il tracciato, tra i più suggestivi e variati della destinazione. Il panoramico sentiero invernale ci conduce sulla vecchia strada carrozzabile del Passo verso il Pont Nef.

Aperto
media
7,3 km
2:21 h.
354 m
354 m

La gran parte degli automobilisti scorre veloce lungo la A13 oltrepassando il villaggio. Uno sbaglio, poiché il villaggio di San Bernardino, dominato dallo squadrato Pizzo Uccello, ha molte cose da farci scoprire. Primo fra tutti il paesaggio mozzafiato caratterizzato da torbiere alte e zone paludose in cui ci si può avventurare anche d’inverno.

Camminando lungo la vecchia strada carrozzabile del passo, si raggiunge dapprima la Capanna Genziana. È qui che inizia il vero e proprio sentiero invernale. Sotto di noi, nelle profondità della montagna, scorre il tubo della galleria del San Bernardino. Il sentiero gli passa sopra e ci conduce verso il punto culminante della passeggiata, ossia il Pont Nef, il nuovo ponte. Fu costruito nel 1864 in sostituzione dell’ormai decadente ponte ad arco, allora denominato in onore del re sardo Vittorio Emanuele, il cui regno partecipava al suo finanziamento dal 1819 al 1823. Il ponte era in effetti uno snodo cruciale sulla vecchia via commerciale che collegava i centri economici lombardi e piemontesi al Nord Europa. Al di sopra del ponte si riconosce ancora il passaggio dell’antica via mercantile, mentre un pannello informativo rievoca il cosiddetto “ponte de re”.

Ma l’agevole sentiero non si limita alle sole tracce storiche. Ci resta il tempo per ammirare nuovamente il panorama dominato dal massiccio Pizzo Uccello. E per contemplare il paesaggio alpino con la sua torbiera alta innevata, le caratteristiche cime dei pini mughi e, qua e là, le orme di qualche animaletto selvatico. Subito dopo aver superato il Pont Nef il sentiero ridiscende verso il paese, passando dapprima dalla zona Gareida e poi a fianco dell’impressionante complesso residenziale Albarella. Una volta rientrati nel villaggio sarà un piacere ritrovare le forze assaggiando un’ottima cioccolata calda ed assaporando una fetta di torta, ritemprandosi così anche dalle temperature invernali.

outdooractive.com User
Autore
Christian Vigne
Ultimo aggiornamento: 26.06.2018

Difficoltà
media
Impegno fisico
Emozione
Paesaggio
Livello sul mare
1784 m
1609 m
Periodo consigliato
gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

Calcola il viaggio per arrivare in treno, in macchina, a piedi o in bicicletta.

Libri consigliati

Mostra tutto

Community

 Commenti
 Segnalazioni
Pubblicare
  Indietro
Segna un punto sulla mappa
(Clicca sulla mappa)
oppure
Punto consigliato:
Il punto puó essere spostato direttamente sulla mappa
Cancella X
Modifica
Annulla X
Modifica
modifica il punto sulla mappa
Video
*Campo obbligatorio
Pubblicare
Si prega di inserire un titolo
Prego inserisci una descrizione.
Stato
Aperto
Difficoltà
media
Lunghezza
7,3 km
Durata
2:21 h.
Salita
354 m
Discesa
354 m
Itinerario circolare Panoramico Ristori lungo il percorso Adatto a famiglie e bambini Culturale / storico Interesse faunistico Itinerario consigliato

Statistica

: ore
 km
 m
 m
Punto più alto
 m
Punto più basso
 m
Mostra il profilo altimetrico Nascondi il profilo altimetrico
Sposta le frecce a sinistra e a destra per cambiare il ritaglio visualizzato.