Condividi
Preferiti
Crea itinerario fino qui
Fitness
Trekking

La Val Algone, nel cuore del Parco Naturale Adamello Brenta

Trekking · Stenico · Aperto
Responsabile del contenuto
APT Terme di Comano-Dolomiti di Brenta Partner verificato 
  • Trekking in Val Algone, nel cuore del Parco Naturale Adamello Brenta
    / Trekking in Val Algone, nel cuore del Parco Naturale Adamello Brenta
    Foto: M. Corradi, APT Terme di Comano-Dolomiti di Brenta
  • I colori della Val Algone
    / I colori della Val Algone
    Foto: M. Corradi, APT Terme di Comano-Dolomiti di Brenta
  • Trekking in Val Algone, nel cuore del Parco Naturale Adamello Brenta
    / Trekking in Val Algone, nel cuore del Parco Naturale Adamello Brenta
    Foto: M. Corradi, APT Terme di Comano-Dolomiti di Brenta
  • Malga Nambi - Parco Naturale Adamello Brenta
    / Malga Nambi - Parco Naturale Adamello Brenta
    Foto: Valentina Novali, APT Terme di Comano-Dolomiti di Brenta
  • Una sosta lungo la Val Algone nel Parco Naturale Adamello Brenta
    / Una sosta lungo la Val Algone nel Parco Naturale Adamello Brenta
    Foto: Valentina Novali, APT Terme di Comano-Dolomiti di Brenta
  • Val Algone
    / Val Algone
    Foto: Fototeca Trentino Marketing foto di P. Fiorini, APT Terme di Comano-Dolomiti di Brenta
  • Malga Movlina Val Algone
    / Malga Movlina Val Algone
    Foto: Fototeca Trentino Marketing foto di P. Fiorini, APT Terme di Comano-Dolomiti di Brenta
  • / Camminare ai piedi delle Dolomiti di Brenta
    Foto: M. Corradi, APT Terme di Comano-Dolomiti di Brenta
  • / Camminare ai piedi delle Dolomiti di Brenta
    Foto: M. Corradi, APT Terme di Comano-Dolomiti di Brenta
900 1050 1200 1350 1500 m km 1 2 3 4 5 6 7 La Val Algone, nel cuore del Parco Naturale Adamello Brenta Malga Nambi GHEDINA

Nel cuore del Parco Naturale Adamello Brenta tra il Rifugio Ghedina e Malga Nambi, passando per l'antica vetreria.

Aperto
media
7,7 km
3:30 h.
869 m
869 m

Dal punto di vista naturalistico la Val d’Algone presenta una straordinaria ricchezza di specie arboree, arbustive ed erbacee. La fauna è varia e può godere di ampi spazi incontaminati: i caprioli si possono osservare nel fondovalle e ai limiti delle numerose radure, i camosci frequentano le pendici rocciose di Cima Vallon e del Castello dei Camosci, nella Val di Sacco si incontra facilmente la marmotta.

outdooractive.com User
Autore
APT Terme di Comano Dolomiti di Brenta
Ultimo aggiornamento: 21.11.2019

Difficoltà
media
Tecnica
Impegno fisico
Emozione
Paesaggio
Punto più alto
1375 m
Punto più basso
1104 m
Periodo consigliato
gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

Possibilitá di ristoro

GHEDINA
ALBERGO BRENTA
Malga Nambi

Consigli di sicurezza

  • preparate il vostro itinerario;
  • scegliete un percorso adatto alla vostra preparazione;
  • scegliete equipaggiamento e attrezzatura idonei ;
  • consultate I bollettini nivometereologici;
  • partire da soli è più rischioso;
  • lasciate informazioni sul vostro itinerario e sull’orario approssimativo di rientro;
  • non esitate ad affidarvi ad un professionista;
  • fate attenzione alle indicazioni e alla segnaletica che trovate sul percorso;
  • non esitate a tornare sui vostri passi;
  • in caso di incidente date l’allarme chiamando il numero breve 112.

Come immaginerai, la percorribilità degli itinerari in un ambiente montano è strettamente legata alle condizioni contingenti e dipende quindi da fenomeni naturali, cambiamenti ambientali e condizioni meteo. Per questo motivo, le informazioni contenute in questa scheda potrebbero aver subito variazioni. Prima di partire, informati sullo stato del percorso contattando il gestore dei rifugi sul tuo percorso, le guide alpine, i centri visitatori dei parchi naturali e gli uffici turistici.

Attrezzatura

  • zaino dell'escursionista;
  • scarpe da trekking.

Ulteriori informazioni e link

www.visitacomano.it

Start

Rifugio Ghedina (1170 m)
Coordinate:
Geografico
46.119544, 10.807036
UTM
32T 639620 5108917

Arrivo

Rifugio Ghedina

Percorso

Difficoltà: E (escursionistico)

Passeggiata ad anello sul fondovalle della Val Algone, alla ricerca delle tracce del passato utilizzo della valle: prati e fienili, malghe e l’industria del vetro. Da Stenico si raggiunge in macchina la Val Algone che si risale fino all’Albergo Brenta, dove termina l’asfalto. Lasciata la macchina nel parcheggio si prende il sentiero che sale sulla destra dell’albergo ed entra in bosco, a raggiungere una strada forestale. Si prosegue a destra, salendo lungo la strada forestale che sale nel bosco al margine di prati un tempo falciati ed ora parzialmente rimboschiti, lungo la salita si costeggia il margine di un deposito detritico legato alla ricerca di quarzo per la produzione di vetro che interessò la valle fra il 1800 e il 1880, testimoniata dal rudere della vetreria situato presso il Rifugio Ghedina. Oltrepassata la cava si prosegue in bosco per sbucare nel pascolo di malga Nambi (punto ristoro durante l'estate), costellato di faggi monumentali. Nella stagione di alpeggio la malga offre servizio di agriturismo e ristoro. Dalla malga proseguiamo scendendo a destra lungo la strada principale di fondovalle, poco dopo il ponte sul torrente Algone si prende il sentiero SAT 333 che scende sulla destra e porta attraverso la Valle di Stenico nei prati del Vallon, ex malga oggi utilizzata come colonia estiva.  Tornati sulla strada principale si abbandonano i segnavia SAT per risalire la strada verso sinistra per circa 150, dove si trova un bivio con un itinerario del parco che conduce lungo il greto sassoso del torrente. Attraversato il fiume asciutto del torrente si prosegue fra il bosco per uscire nell’ex pascolo di malga Stabli, un tempo pascolo primaverile e autunnale per le mandrie dirette alla malga Valagola ed oggi utilizzata come colonia. Circa 200 m dopo essere entrati nel prato, sulla destra una stradina scende verso il greto del torrente, lo supera con un ponte e porta al rudere della ex vetreria, situata nei pressi del Rifugio Ghedina. Si torna alla malga Stabli per il sentiero di andata, tornati nel prato si prosegue verso destra, poco dopo lo stallone della malga, si svolta a sinistra in direzione del sentiero Thun del Parco Naturale Adamello Brenta. Dopo un giro nel bosco il sentiero rientra sulla strada, si svolta a sinistra quindi a destra per arrivare alla strada asfaltata di fondovalle. La si risale per circa 400 m, poco prima di entrare nei prati si prende la strada forestale che sale fra i boschi, a sinistra, in direzione nord. Si prosegue in salita lungo il margine dei prati fino a ritrovare il sentiero percorso all’inizio, lungo il quale si rientra alla macchina.

Come arrivare

Da Ponte Arche/Comano Terme proseguire per Stenico in macchina e si percorre la strada provinciale in direzione di Ragoli fino al bivio per la Val d’ Algone. Dopo circa 7 km di strada asfaltata si arriva presso l'Albergo Brenta dove si può parcheggiare la macchina.

Dove parcheggiare

Parcheggio libero presso Albergo Brenta.

Calcola il viaggio per arrivare in treno, in macchina, a piedi o in bicicletta.


Domanda e risposta

Fai la prima domanda

Hai dei dubbi? Scrivi la tua domanda e fatti aiutare dalla community!


Recensioni

Sei il primo

Condividi la tua esperienza!


Foto aggiuntive


Stato
Aperto
Difficoltà
media
Lunghezza
7,7 km
Durata
3:30 h.
Salita
869 m
Discesa
869 m
Itinerario circolare Panoramico Rilevanza culturale / storico Ristori lungo il percorso Interesse botanico Interesse geologico

Statistica

: ore
 km
 m
 m
Punto più alto
 m
Punto più basso
 m
Mostra il profilo altimetrico Nascondi il profilo altimetrico
Sposta le frecce a sinistra e a destra per cambiare il ritaglio visualizzato.