Crea itinerario fino qui Copia il percorso
Cammino Percorso consigliato

Cammino Jacopeo d'Anaunia - VII Tappa, variante naturalistica di 2 giorni

Cammino
Responsabile del contenuto
APT Val di Non Soc. Coop. Partner verificato 
  • /
    Foto: Elena Marini Silvestri, APT Val di Non Soc. Coop.
  • / San Romedio - Laghi di Coredo
    Foto: VisitTrentino, APT Val di Non Soc. Coop.
  • / San Romedio - Laghi di Coredo
    Foto: VisitTrentino, APT Val di Non Soc. Coop.
  • / castel bragher coredo
    Foto: Silvia Gentilini, APT Val di Non Soc. Coop.
  • /
    Foto: Silvia Gentilini, APT Val di Non Soc. Coop.
  • /
    Foto: APT Val di Non Soc. Coop.
m 1100 1000 900 800 700 600 500 400 300 20 15 10 5 km
Questa tappa è pensata per essere spalmata su 2 giorni di cammino. E' estremamente interessante dal punto di vista artistico e naturalistico: tocca infatti il famoso Castel Thun, il piccolo ponte tibetano sul Rio Pongaiola, la chiesa di San Martino a Vervò, i laghetti di Coredo e Tavon ed infine il Santuario di San Romedio. 
difficile
Lunghezza 24,3 km
9:00 h.
1.250 m
940 m
1.051 m
442 m

La tappa è piuttosto lunga e per questo motivo consigliamo di dividerla su due giorni. Rispetto alla tappa numero 7 questa variante corre più in quota e si snoda per lo più su tracciati sterrati.

Questo percorso rappresenta una bellissima alternativa artistico – naturalistica del percorso tradizionale tuttavia è più impegnativa e consigliamo percorrerla in due giorni sia per avere ampio tempo di visitare i luoghi sia per visitare il santuario di San Romedio. Si possono ammirare panorami bellissimi sulla valle.

Consiglio dell'autore

Il timbro da apporre sulla Credenziale del Pellegrino si trova presso:

Dardine - chiesa di S.Marcello

Coredo - chiesa del Ritrovamento Santa Croce

Santuario di S.Romedio - presso il negozietto del Santuario c’è il libro dove apporre la propria firma ed un commento sul Cammino appena compiuto.

Immagine del profilo di APT Val di Non
Autore
APT Val di Non
Ultimo aggiornamento: 19.02.2021
Difficoltà
difficile
Tecnica
Impegno fisico
Emozione
Paesaggio
Punto più alto
1.051 m
Punto più basso
442 m
Periodo consigliato
gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

Indicazioni sulla sicurezza

Il Cammino  è ben segnalato, con la presenza del simbolo della conchiglia stilizzata di colore giallo e varie tabelle che indicano la via. Si percorrono antichi sentieri di collegamento tra piccoli paesi e antiche vie che conducevano ai Santuari mèta di pellegrinaggi. Ci sono brevi tratti di strade a basso transito veicolare.

Consigli e raccomandazioni aggiuntive

 www.santiagoanaunia.it

Partenza

Vigo di Ton (442 m)
Coordinate:
DD
46.263736, 11.086168
DMS
46°15'49.4"N 11°05'10.2"E
UTM
32T 660766 5125466
w3w 
///amaro.amorosi.scusa

Arrivo

Santuario di San Romedio

Direzioni da seguire

La settima tappa – variante naturalistica ci consente di arrivare a San Romedio, luogo di conclusione del cammino Jacopeo d’Anaunia, attraverso paesaggi inseriti in una natura molto selvaggia. Tale tappa viene proposto di percorrerla in due giorni sia per i chilometri percorsi ma soprattutto per i dislivelli superati che fanno sì che risulti molto più impegnativa del tracciato classico che passa per l’abitato di Segno e Coredo.

Questa tappa rappresenta un bel percorso artistico – naturalistico e si consiglia di fermarsi, dopo il primo giorno, nel paese di Vervò. In questo modo si avrà la possibilità, nel primo giorno, di attraversare un ambiente ancora quasi selvaggio ed invece il secondo giorno visitare centri molto antichi e ricchi di storia. Si parte da Vigo di Ton e la prima parte del percorso è comune con la tappa tradizionale, molto raccomandata è la visita al Castel Thun. Usciti dal castello si prosegue fino al bivio dove si imbocca un sentiero ripido che attraversa una pineta. D’obbligo una sosta presso una terrazza panoramica con vista sulla bassa Valle di Non e sulle Dolomiti di Brenta. Camminando poi tra boschi di faggi e abeti si raggiunge la località Mas del Mont poi si raggiunge un ponte tibetano e poi si arriva all’abitato di Vervò nei pressi della chiesa di S. Martino luogo di insediamento preistorico.

Nel secondo giorno, lasciato questo borgo, si scende verso l’abitato di Tres, paese costruito su tre colli: Dosso di S.Agnese dove sorge l’antica chiesa, S.Rocco e Mimiela. Sul colle di S. Rocco si trovava una chiesa-cappella dedicata a S.Rocco protettore contro la peste, nel 1760 fu abbattuta e al suo posto edificata la nuova chiesa parrocchiale dedicata a S. Agnese.

Seguendo l’itinerario segnalato, si arriva presso un laghetto artificiale per l’accumulo dell’acqua irrigua e poi si prosegue nel bosco verso l’abitato di Sfruz. Questo paese è stato per secoli tra i centri di produzione di stufe ad olle più rinomati di tutto il Tirolo. Da esso partirono migliaia di stufe, destinate ai territori delle valli del Noce e più in generale ai territori della Mitteleuropa.

Proseguendo nel percorso si arriva all’abitato di Smarano che sorge su un altipiano da cui si gode un bellissimo panorama sulla valle e sui monti che la circondano. Continuando il cammino si raggiunge la località Merlonga. Da qui si prosegue attraversando un bosco con comodo sentiero pianeggiante lungo il quale si incontrano due interessanti punti panoramici con panchine per sosta. Il primo si apre sui sottostanti laghi di Coredo. Il secondo al termine della strada, si affaccia sulla valle del Verdes e riserva una piacevole sorpresa, la vista del santuario di S. Romedio dall’alto. Da qui il sentiero scende ripido verso i laghetti che si raggiungono dopo pochi minuti e l’itinerario si ricongiunge al percorso della settima tappa. Sempre in discesa, in poco tempo si arriva al Santuario. Altre informazioni sull’arrivo al Santuario si trovano nella descrizione della tappa tradizionale.

 

Testi di Donato Iob
Associazioni Anaune Amici del Cammino di Santiago
www.santiagoanaunia.it

Nota


Vedi tutte le segnalazioni sulle aree protette

Come arrivare

Dall'autostrada del Brennero A22 si prende l'uscita Trento Nord e si prosegue in direzione della Val di Non e della Val di Sole su SS43. Arrivati alla Località Rocchetta si abbandona la statale appena prima un breve tunnel e si seguono le indicazioni sulla sinistra per Castel Thun.

Dove parcheggiare

In paese a Vigo di Ton, dietro al comune, ci sono dei posti auto gratuiti e liberi. Una passeggiata in salita porta poi a Castel Thun.

Anche ai piedi del castello c'è un parcheggio ma a pagamento e l'auto può essere parcheggiata per il tempo della visita, non per più giorni.

Coordinate

DD
46.263736, 11.086168
DMS
46°15'49.4"N 11°05'10.2"E
UTM
32T 660766 5125466
w3w 
///amaro.amorosi.scusa
Come arrivare in treno, in auto, a piedi o in bici.

Titoli consigliati

Si consiglia la Guida ufficiale del Camino Jacopeo d'Ananunia completa di indicazioni relative al percorso e approfondimenti storici e culturali e il sito ufficiale del cammino: www.santiagoanaunia.it  

Mappe consigliate

Cartografia KOMPASS-Karten GmbH

Attrezzatura

Chiunque si metta in cammino e desideri arrivare alla sua meta senza problemi deve calzare un buon paio di scarpe comode, meglio se con suola scolpita (tipo Vibram) e con protezione per la caviglia (tipo pedule da escursionismo), ma nelle quali il piede sia ben fermo per evitare il formarsi di vesciche o, peggio, rischiare una slogatura. E’ anche bene dotarsi di un bastone (o meglio ancora di bastoncini telescopici) per aiutarsi nel cammino, soprattutto in qualche passaggio più impegnativo.

Equipaggiamento per cammini

  • Scarpe da trekking o scarpe da avvicinamento robuste, comode e impermeabili
  • Abbigliamento multistrato traspirante
  • Calze da escursionismo
  • Zaino (telo copri zaino)
  • Protezione da sole, pioggia e vento (cappello, crema solare, giacca e pantaloni impermeabili e antivento)
  • Occhiali da sole
  • Bastoncini da trekking
  • Provviste sufficienti di cibo e acqua
  • Kit di primo soccorso + cerotti per vesciche
  • Kit para bolhas
  • Sacco bivacco
  • Coperta termica
  • Lampada frontale
  • Coltellino tascabile
  • Fischietto
  • Cellulare
  • denaro contante
  • Dispositivi di navigazione /mappa e bussola
  • Informazioni di contatto per emergenza
  • Carta d'identità
  • Oggetti religiosi e materiale requisito

Cose da portare se alloggi in ostello

  • articoli per igiene personale e medicazioni
  • Salvietta ad asciugatura rapida
  • Tappi per le orecchie
  • Sacco letto
  • Indumenti da notte
  • Pilgrim ID card
  • Mascherina COVID e disinfettante per le mani
  • Le indicazioni sull'equipaggiamento sono generate a seconda dell'attività selezionata. Servono solo come indicazione generale per aiutarti a individuare quello che dovresti portare con te.
  • For your safety, you should carefully read all instructions on how to properly use and maintain your equipment.
  • Please ensure that the equipment you bring complies with local laws and does not include restricted items.

Domande e risposte

Fai la prima domanda

Vuoi chiedere una domanda all'autore?


Recensioni

Condividi la tua esperienza

Aggiungi il primo contributo della Community


Foto di altri utenti


Difficoltà
difficile
Lunghezza
24,3 km
Durata
9:00 h.
Dislivello
1.250 m
Discesa
940 m
Punto più alto
1.051 m
Punto più basso
442 m
Itinerario a tappe Panoramico Ristori lungo il percorso Rilevanza culturale/storica

Statistiche

  • Contenuti
  • Mostra immagini Nascondi foto
Funzioni
Mappe e sentieri
Lunghezza  km
Durata : ore
Dislivello  mt
Discesa  mt
Punto più alto  mt
Punto più basso  mt
Muovi le frecce per aumentare il dettaglio