Crea itinerario fino qui Copia il percorso
Passeggiata Percorso consigliato

40 - Giro dei Forti

· 1 recensione · Passeggiata · Alpe Cimbra - Folgaria, Lavarone, Luserna
Responsabile del contenuto
Azienda per il Turismo Alpe Cimbra Partner verificato  Explorers Choice 
  • /
    Foto: Contrini, Azienda per il Turismo Alpe Cimbra
  • /
    Foto: Azienda per il Turismo Alpe Cimbra
  • /
    Foto: Azienda per il Turismo Alpe Cimbra
  • /
    Foto: Azienda per il Turismo Alpe Cimbra
  • / Forte Sommo alto
    Foto: Apt Alpe Cimbra
m 1800 1600 1400 1200 1000 18 16 14 12 10 8 6 4 2 km Rifugio Baita Tonda Forte Sommo alto Osteria Passo Coe Biotopo di Ecken Rifugio Baita Tonda
Nel corso del primo grande conflitto mondiale (1914-1918) l'Alpe Cimbra, prossima al confine austro-italiano, si venne a trovare in prima linea. Testimoni di quei tragici eventi sono le sette fortezze austro-ungariche che da Cima Vézzena al Dosso delle Somme costituivano lo sbarramento fortificato degli Altpiani. Si trovano sulla sommità delle alture, in posizioni panoramiche, mèta di emozionanti escursioni.
media
Lunghezza 18,4 km
10:16 h.
707 m
642 m
Sono i Forti della Grande Guerra i veri punti di interesse di questo Giro, che accomuna l'interesse per la storia alla bellezza dei luoghi, agli ampi panorami che si aprono sulle alture che fanno corona all'Alpe Cimbra, sulla profonda valle di Terragnolo e sul massiccio montuoso del Pasubio.

Consiglio dell'autore

Molti tratti sono a cielo scoperto, consigliati cappello e scorta d'acqua.
Immagine del profilo di Gianluigi Caneppele
Autore
Gianluigi Caneppele
Ultimo aggiornamento: 25.06.2020
Difficoltà
media
Impegno fisico
Emozione
Paesaggio
Punto più alto
1.662 m
Punto più basso
1.069 m
Periodo consigliato
gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

Indicazioni sulla sicurezza

Il tratto più 'pericoloso' è quello che collega il Forte Dosso delle Somme con la sella di Passo Coe: rimanere sul sentiero ed evitare di sporgersi sul ripido versante.

Come immaginerai, la percorribilità degli itinerari in un ambiente montano è strettamente legata alle condizioni contingenti e dipende quindi da fenomeni naturali, cambiamenti ambientali e condizioni meteo. Per questo motivo, le informazioni contenute in questa scheda potrebbero aver subito variazioni. Prima di partire, informati sullo stato del percorso contattando il gestore dei rifugi sul tuo percorso, le guide alpine, i centri visitatori dei parchi naturali e gli uffici turistici.

Partenza

Folgaria sud (1.131 m)
Coordinate:
DD
45.913567, 11.171566
DMS
45°54'48.8"N 11°10'17.6"E
UTM
32T 668409 5086737
w3w 
///castori.coprilo.letargo

Arrivo

Folgaria est

Direzioni da seguire

Da Folgaria, Via Salvo d'Acquisto (nei pressi del Palasport), oltrepassata con la dovuta attenzione la SS350, scendiamo il ripido sentiero del Sanscrivel (segnaletica) che ci porta repentinamente a valle. Oltrepassiamo su un grazioso ponte di legno il torrente Rosspach e saliamo il versante opposto, coperto da un fitto bosco di abeti, fino a raggiungere località Mezzaselva. Oltrepassiao (con la dovuta attenzione) la SP per Serrada riprendiamo a salire, sempre avvolti dal manto forestale. Approdiamo presto all'ex strada militare per Forte Dosso delle Somme. Ci immettiamo svoltando a sinistra e la percorriamo in media salita fino a località Roccolo. Qui attraversiamo la strada comunale per Fondo Grande e, percorsa la strada per una cinquantina di metri (svoltando a sinistra), imbocchiamo sulla destra la strada sterrata che sale verso il Forte. La percorriamo (6 km) guadagnando progressivamente quota, con ampi panorami che via via si aprono sulla valle di Terragnolo e sul contrapposto massiccio montuoso del Pasubio. Raggiungiamo infine le rovine del Forte Dosso delle Somme. Aggirato il forte, proseguiamo il cammino seguendo il bel sentiero che corre sul crinale della montagna (attenzione a non scivolare nel ripido versante sottostante) e che con due scollinamenti ci porta al crocicchio dei Camini, sulla SP dei Francolini, in prossimità del Passo Coe. Oltrepassata la strada imbocchiamo di fronte la sterrata che sale il versante opposto della valle e che - a cielo scoperto - ci porta fino al Forte Sommo alto (belle vedute panoramiche su Folgaria). Visitato il Forte scendiamo al sottostante Rifugio Stella d'Italia. Proseguiamo dunque per la comoda strada sterrata che si dirige verso il Passo del Sommo. Dopo averla percorsa per un tratto facciamo attenzione al sentiero che si stacca sulla sinistra (segnaletica) e che scende il ripido versante, avvotlo dal bosco, che in breve ci porta nell'area aperta del biotopo di Ecken e del Campo golf di Maso Spilzi. Giunti in prossimità del biotopo svoltiamo a sinistra, percorriamo il sentiero lo accompagna sul lato sud e che ci porta infine al Santuario della Madonna delle Grazie. Qui svoltiamo a sinistra seguendo la strada comunale, asfaltata, che ci riporta velocemente a Folgaria.

Nota


Vedi tutte le segnalazioni sulle aree protette

Coordinate

DD
45.913567, 11.171566
DMS
45°54'48.8"N 11°10'17.6"E
UTM
32T 668409 5086737
w3w 
///castori.coprilo.letargo
Come arrivare in treno, in auto, a piedi o in bici.

Guide consigliate in questa regione:

Mostra tutto

Domande e risposte

Fai la prima domanda

Vuoi chiedere una domanda all'autore?


Recensioni

5,0
(1)

Foto di altri utenti


Recensione
Difficoltà
media
Lunghezza
18,4 km
Durata
10:16 h.
Dislivello
707 m
Discesa
642 m
Percorso ad anello Rilevanza culturale/storica Panoramico Interesse geologico Interesse botanico Interesse faunistico Da punto a punto Clima salubre

Statistiche

  • Contenuti
  • Mostra immagini Nascondi foto
Funzioni
Mappe e sentieri
Durata : ore
Lunghezza  km
Dislivello  mt
Discesa  mt
Punto più alto  mt
Punto più basso  mt
Muovi le frecce per aumentare il dettaglio