Crea itinerario fino qui Copia il percorso
Bici da corsa

Menador

· 1 recensione · Bici da corsa · Valsugana, Lagorai, Tesino
Responsabile del contenuto
VisitTrentino Partner verificato 
  • Menador - Passo Vezzena
    / Menador - Passo Vezzena
    Foto: VisitTrentino, VisitTrentino
  • Menador - Passo Vezzena
    / Menador - Passo Vezzena
    Foto: VisitTrentino ab, VisitTrentino
m 1600 1400 1200 1000 800 600 400 200 8 7 6 5 4 3 2 1 km
Guardando da lontano il fianco della montagna sembra ferito,avvicinandosi si scopre che in quegli squarci passa una delle strade più belle e rappresentative della morfologia e della storia trentina.
difficile
Lunghezza 8,2 km
1:58 h.
900 m
108 m
Immagine del profilo di VisitTrentino
Autore
VisitTrentino
Ultimo aggiornamento: 03.07.2019
Difficoltà
difficile
Tecnica
Impegno fisico
Emozione
Paesaggio
Punto più alto
1.261 m
Punto più basso
483 m
Periodo consigliato
gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

Indicazioni sulla sicurezza

Come immaginerai, la percorribilità degli itinerari in un ambiente montano è strettamente legata alle condizioni contingenti e dipende quindi da fenomeni naturali, cambiamenti ambientali e condizioni meteo. Per questo motivo, le informazioni contenute in questa scheda potrebbero aver subito variazioni. Prima di partire, informati sullo stato del percorso contattando il gestore dei rifugi sul tuo percorso, le guide alpine, i centri visitatori dei parchi naturali e gli uffici turistici.

Partenza

Caldonazzo (483 m)
Coordinate:
DD
45.985125, 11.278995
DMS
45°59'06.4"N 11°16'44.4"E
UTM
32T 676513 5094920
w3w 
///dirai.fiuta.antico

Arrivo

Monterovere

Direzioni da seguire

La strada del Menador passo Vezzena racconta pagine di fatica e di  guerra. Fatta costruire dagli austriaci è chiamata anche strada dei kaiserjaeger. Da Caldonazzo, in Valsugana, conduceva alle fortificazioni di Lavarone e di Vezzena ed era strategica nella difesa della valle e della città di Trento nella grande guerra. E’ una salita non particolarmente lunga , poco più di 8 chilometri, ma va affrontata con cautela. La pendenza è sempre sopra il 9 per cento e in alcuni tratti sfiora il 13. Sin dall’inizio la pedalata è impegnativa. Il bosco e la frescura aiutano a prendere confidenza con la fatica, ma il sollievo è breve. Uno stretta striscia di asfalto attorcigliata ai costoni di pietra bianca con due brevi gallerie chericordano l’ingegno dell’uomo nella sua costruzione. Di sotto la valle si mostra in tutta la sua bellezza. Al tornante Belvedere una sosta è doverosa. I laghi di Caldonazzo e Levico, con i paesini, appaiono come un mosaico dai colori tenui. Una località che si è scoperta turistica già ai tempi dell’Impero Danubiano. 

Dopo 8 chilometri e 200 metri si arriva in cima. La strada spiana e si accompagna ad un bivio che porta in altre direzioni. Siamo nelle terra dei Cimbri, l’isola germanofona sopravvissuta al trascorrere dei secoli. La bicicletta è entrata nella storia.

Nota


Vedi tutte le segnalazioni sulle aree protette

Coordinate

DD
45.985125, 11.278995
DMS
45°59'06.4"N 11°16'44.4"E
UTM
32T 676513 5094920
w3w 
///dirai.fiuta.antico
Come arrivare in treno, in auto, a piedi o in bici.

Domande e risposte

Fai la prima domanda

Vuoi chiedere una domanda all'autore?


Recensioni

4,0
(1)

Foto di altri utenti


Recensione
Difficoltà
difficile
Lunghezza
8,2 km
Durata
1:58 h.
Dislivello
900 m
Discesa
108 m

Statistiche

  • Contenuti
  • Mostra immagini Nascondi foto
Funzioni
Mappe e sentieri
Durata : ore
Lunghezza  km
Dislivello  mt
Discesa  mt
Punto più alto  mt
Punto più basso  mt
Muovi le frecce per aumentare il dettaglio